F.I.G.S.

Federazione Italiana Gioco Scopone

Get Adobe Flash player

Translate

Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Japanese Korean Russian Spanish

Galleria Fotografica

Link Consigliati

 

Logo AAR Ricciardelli

Contrada ( AV ) Italia
Tel 0825 - 674371
Fax 0825-674370
 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 villanicalce

Da oltre cinquanta anni
una significativa
presenza nel settore edile

 

Questo spazio è riservato ad aziende amiche e sponsor della FIGS

Visitors Counter

0002520109
OggiOggi144
IeriIeri140
SettimanaSettimana144
MeseMese5252
AnnoAnno2520109
IP:35.172.203.87
Logged In Users -0
Guests -147
Now Online
-

Libri sul Tressette

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Durante la ricerca necessaria per il libro sulla Storia dello Scopone ci siamo imbattuti in diversi libri sul Tressette.
Tutto ciò naturalmente per via del Chitarrella che, come detto più volte, verso il 1750 (probabilmente) scrisse un manoscritto in latino (maccheronico) su Mediatore e Tressette ma assolutamente nulla sul nostro gioco.
Ora il Tressette è (quasi) sicuramente noto già nel 1600. Il fatto che qualcuno scrivesse sul gioco non è cosa strana, in poche parole: Chitarrella non era nè il primo nè l'unico ad aver scritto sul Tressette.
Abbiamo rintracciato una Prammatica del 1631 emanata dal Vicerè di Napoli, duca di Monterey, che nomina questo gioco.
In quell’anno, reiterando proibizioni e permessi per i giochi di carte nel Reame, viene allungata la lista dei giochi permessi, tra essi figurano il tre sette con 11 carte, il tre sette scoverto a quattro montoni.
Il quasi è dovuto alle versioni del gioco indicate: ma pensiamo che si tratti proprio del Tressette a noi noto.
Eccola sotto riprodotta: il frammento di questa Prammatica del 1631 ci è stato gentilmente riprodotto con l’autorizzazione ad essere  inserito nel Libro di Storia e l’espresso divieto, fatto a terzi, della sua riproduzione e duplicazione con qualsiasi mezzo.

 

Prammatica 1631, Divieto di riproduzione e duplicazione con qualsiasi mezzo. Concessione e divieto dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali; riproduzione dalla Biblioteca Nazionale di Napoli

Concessione e divieto vengono dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali; la riproduzione dalla Biblioteca Nazionale di Napoli. Lavorano in tale struttura la Responsabile della Sezione Napoletana, dr.ssa Rosa Rossi, del laboratorio Fotografico, dr.ssa Angela Pinto e della Sezione Autorizzazioni, dr.ssa Alma Serena Lucianelli: ringraziamo queste gentilissime signore per la riproduzione.

Se tutte le Biblioteche d'Italia fossero così collaborative le ricerche sui testi in esse contenuti sarebbero meravigliose, rapide e produttive. Purtroppo non è così: talvolta vengono negate con motivi pretestuosi.
Il dubbio che fanno nascere tali dinieghi è che certi documenti in Catalogo siano in realtà assenti: malacura o malaffare ??? Avendo scritto al Ministero a suo tempo, con argomenti circostanziati, ed ottenuto delle risposte ... interlocutorie abbiamo lasciato perdere.
Anche per fare proteste occorrono evidentemente delle conoscenze !!!
Tra quelle più collaborative con cui abbiamo avuto a che fare, oltre a quella di Napoli già citata sopra, ci sono: la Biblioteca di Ancona, quella di Cremona, la Classense di Ravenna, la Casanatense di Roma, la Nazionale di Bari, la Biblioteca Centrale della Regione siciliana "A.Bombace" di Palermo, tante piccole strutture locali come la Biblioteca minima di Novoli (LE) o quella di Portoferraio (LI), e, last but not the least, la Biblioteca di Firenze ove vanno depositate, per legge tutte le pubblicazioni italiane.

Sotto trovate l'elenco dei libri che possiamo inserire, ma l'elenco non è certo esaustivo: nel 1715 si registra il testo di Mantoano Domenico (Il tresette in disciplina) e poi nel 1756 quello di Morelli Giovan Battista (Il trionfo del tressette, poema eroico-giocoso), nel 1891 quello di un Anonimo (El vero tressete in quattro a la veneziana a cura di L.Z.) e, probabilmente, ce ne sarebbero altri da citare. Insomma la ricerca potrebbe essere arricchita.

1726 - Biondelli, Ludus vulgo dictus Tresette in quattro (in versi ed in latino)
1827 - Perione Cosentino, Regole ed avvertimenti pel giuoco del Tressette
1902 - PZ, Tressette
1924 - Scotti Ruggieri,  Nuovo Chitarrella (Tressette)
1929 - Cimmaruta, Il tressette
1976 - Elevi, Il Tressette e Terziglio (ristampa della edizione Hoepli del 1931)
1981 - Lozupone, Il libro del Tressette  
1994 - Razzieri, Il Quadrigliato
1995 - Chitar-elledue, Il tressette scientifico
2005 - Pucino, Il Tressette

Con la publicazione del libro di Achille Cimmaruta abbiamo terminato, per ora almeno, i testi scaricabili.
Per far partire il download dei più antichi non è necessaria la registrazione e login; per gli altri si. 
Di alcuni non abbiamo testo da scaricare: possiamo solo far vedere le Copertine e poco più.
Ma se qualcuno possiede altri libri o libretti e vuol farceli conoscere saremo lieti di affiancare il suo nome ed il suo documento a quelli  nostri: farà contenti tutti gli appassionati di questo gioco.