F.I.G.S.

Federazione Italiana Gioco Scopone

Get Adobe Flash player

Translate

Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Japanese Korean Russian Spanish

Galleria Fotografica

Link Consigliati

 

Logo AAR Ricciardelli

Contrada ( AV ) Italia
Tel 0825 - 674371
Fax 0825-674370
 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 villanicalce

Da oltre cinquanta anni
una significativa
presenza nel settore edile

 

Questo spazio è riservato ad aziende amiche e sponsor della FIGS

Visitors Counter

0002530361
OggiOggi326
IeriIeri417
SettimanaSettimana745
MeseMese8277
AnnoAnno2530361
IP:34.236.191.104
Logged In Users -0
Guests -60
Now Online
-

1995 - Edizione Chitarrella in romanesco

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

L’autore è Giuseppe Ulisse che unisce una sua creazione di fantasia ad alcune opere di  Giggi Zanazzo; egli traduce in dialetto romanesco le  regole già pubblicate dal Moneta.
Ringraziamo la gentile Antonella Ferro della Biblioteca della Fondazione Marco Besso di Roma per la copia inviataci.
Giuli (pseudonimo con cui Giuseppe Ulisse si firma) nella sua notarella dice: “Ho scritto 'ste regole celebbri de Chitarrella, bon'anima, che lo cercheno da ducent'anni e nu' lo troveno. 'Ste regole, che so' le più mejo insino a oggi, lui te l'ha scritte in latino come s'ausava a queli tempi, io mò te le ricconto in romanesco, cusì a la bona, come fa 'n omo de Roma”.
Le Regole pe’  giocà lo Scopone cominciano con la n.1: “Lo scopone se chiama cusì perché è come ‘na fattispece de scopa granne quanno, co’ un punto (che poi te dico) se pijeno tutte le carte sur tavolo, e allora se pensa che stamio a scopà quer tavolo. La scopa o scopetta se gioca sortanto co’ tre carte, invece lo scopone co’ nove”. 
La numero 2 recita: “Noi de Roma usamo le carte itajane  cha cianno quattro semi … Ugnuno de ‘sti semi cià dieci carte … la donna (otto), er cavallo (nove).. Arcuni giocatori d’antre parti giocheno co’ le carte francesi .. Però nun c’è che dì: er gioco mejo è sempre quello che se gioca co’ le carte itajane …”.
Questa traduzione in romanesco è molto graziosa e chi scrive aveva pensato ad una ri-edizione, in considerazione della (falsa) data di pubblicazione, il 1922, nel mentre viene citata la morte di Chiurazzi del 1926.
Poi il falso ci è stato segnalato da Domenico Starna, ingegnere di Roma, gran collezionista di carte antiche e di testi rari: egli ha visionato il testo originale e riscontrato una edizione cartacea che nulla aveva di antico.
Successivamente abbiamo scoperto, presso la medesima Biblioteca, il Curriculum di Giuseppe Ulisse che nasce nel 1925 e nel CV tale scritto viene citato come creato nel 1995 e ristampato nel 1997.
Il perchè di questa creazione e come mai sia stata mescolata a scritto di Giggi Zanazzo non ci è dato sapere ed un tentativo di rintracciare qualche parente di Giuli è stato infruttoso.
Prendiamolo così come è senza altre domande cui sarebbe problematico rispondere.

Oscar Mammì
riprende queste regole in romanesco e le inserisce nel suo libro Dello Scopone pubblicato nel 2000.
 

Titolo completo
Le regole der Tresette
de lo scopone e der mediatore

1995 Chitarrella Tip_Urbe.jpg

 

Editore: Ex Libris di Roma (?)
Luogo pubblicazione: Roma
Anno pubblicazione: 1995
Dimensione (cm.): 14.0 x 21.0 cm. (circa)
Pagine: 31
Lingua: dialetto romano
Note: vedasi sopra per l'anno di pubblicazione


Poichè questo volumetto è un ibrido tra un opera d'autore ed un falso abbiamo lasciato libero il relativo .pdf che potete scaricare da qui:  1995 Chitarrella di Giuseppe Ulisse (5.57 MB)