F.I.G.S.

Federazione Italiana Gioco Scopone

Get Adobe Flash player

Translate

Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Japanese Korean Russian Spanish

Galleria Fotografica

Link Consigliati

 

Logo AAR Ricciardelli

Contrada ( AV ) Italia
Tel 0825 - 674371
Fax 0825-674370
 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 villanicalce

Da oltre cinquanta anni
una significativa
presenza nel settore edile

 

Questo spazio è riservato ad aziende amiche e sponsor della FIGS

Visitors Counter

0002530371
OggiOggi336
IeriIeri417
SettimanaSettimana755
MeseMese8287
AnnoAnno2530371
IP:34.236.191.104
Logged In Users -0
Guests -77
Now Online
-

1989 - Verga, Scopone mio

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

L’autore è originario della Sicilia, almeno così si trae leggendo la Prefazione: “Questo libro è nato idealmente negli anni ’40 a Palermo e dintorni quando, ancora ragazzo, mi innamorai perdutamente del gioco di carte più bello del mondo”. Egli dedica il libro a due suoi amici molto bravi, Ernesto Virga, compianto e dotto maestro, e Calogero Calderaro suo compagno nelle partite.
Una bella cosa viene detta nella Premessa quando afferma che: “… lo SCOPONE può essere giocato soltanto da persone di assoluta e completa correttezza che provano soddisfazione a conquistare ogni singolo punto indipendentemente dalla posta in palio che potrà essere soltanto un bicchiere di birra o anche … niente !!!”.
Esorta quindi ad un comportamento corretto, segnalazioni illecite, fatte per conoscere o far conoscere al socio le carte in mano, vanno bandite.
Nei Cenni storici parla di Chitarrella, del quale rende nota la data di nascita: 4 ottobre 1700; purtroppo la confonde con quella di Padre Rocco, personaggio storico ricordato da Luigi Chiurazzi nella sua prima pubblicazione. Secondo Verga: "Nacquero così le Regole di Chitarrella che, soltanto nel 1866, furono tradotte in dialetto napoletano dal libraio Luigi Chiurazzi ..."; non è vero neppure questo, come sappiamo già.
Nel libro si parla di Scopone Classico, inteso a 9 carte, e Scientifico, a 10 carte. Sarebbe un errore ma l’autore dice di essere in sintonia con una serie di Enciclopedie: vero ma Classico e Scientifico per lo scopone, sono sinonimi.
Il gioco a 10 carte è quello preferito dall'autore ed egli si cimenta in una serie di regole tecniche su questa versione.
Purtroppo infila, una dopo l'altra, una serie di considerazioni un po' strampalate; afferma infatti che è meglio che il primo di mano, in apertura di gioco, cali una carta doppia piuttosto che una tripla, questo perché: “… anche se l’avversario realizza una scopa, ci sono buone probabilità che il compagno sia in possesso della quarta carta” ed inoltre “… per una strana ma frequente combinazione statisticamente verificata, quando un giocatore possiede tre carte eguali, la quarta fatalmente si trova in possesso del giocatore alla propria destra: Chitarrella docet !!”.
Poi afferma che alla fine di una partita, si parla sempre della versione a 10 carte,  è meglio che il primo di mano giochi una tripla: mistero doloroso, perché alla fine ed all’inizio no ???
Verga parla di probabilità ma non fornisce un numero che giustifichi le sue considerazioni; inoltre, per la verità, le famose 44 regole di Chitarrella sullo Scopone (il falso Chitarrella di fine '800 !) che egli  pubblica a fine testo, non fanno cenno a simili consigli: lo Scopone a 10 carte non è contemplato e niente viene detto sull'inizio di questo gioco; poi, al contrario, nella regola 39 si consiglia di giocare per tempo una delle 3 carte eguali, senza aspettare la fine della smazzata.
Poi enuncia un'altra regola: avendo una carta tripla è importante giocare coppe all’inizio: non va bene è una convenzione sbagliata ! Abbiamo già parlato di questo tema commentando il testo di Saracino che auspica una convenzione che egli trae dal Bridge e si chiama Eco; ad essa si può ricorrere senza problemi.

 

1989 Verga Scopone mio Frontespizio
1989 Verga Scopone mio Indice
Frontespizio, Info del libro di Verga Indice del libro di F. Verga

Dà alcuni consigli su situazioni specifiche, sempre un po’ disorganici, qualcuno anche corretto.
Quando comincia a parlare dello Scopone classico, cioè quello con 4 in tavola, dice però una cosa giusta, almeno secondo l’opinione di chi scrive: tra le due varianti le differenze sono poche e certi concetti tecnici, cioè lo spariglio, il gioco dei 7 ecc., sono identici; però infila un altro errore contando 54 sparigli speciali anziché 55.
Un libro dalla scarsa caratura tecnica, un po' arruffato,  probabilmente frutto di idee preconcette (... la quarta sempre a destra, giocare coppe con una tripla in mano, ecc.) un po' datate.

1989 Verga Scopone mio Copertina